ENGLISH VERSIONVAI ALLA MAPPAGUIDAPUNTI DI INTERESSE

Bergamo, Basilica Santa Maria Maggiore

Visita virtualeVisita virtuale
MappaBergamo, Basilica Santa Maria Maggiore

Notevole esempio di romanico lombardo, la sua costruzione fu iniziata nel 1137 (sec. XII) grazie ad un voto popolare che prometteva la costruzione di una splendida chiesa in cambio della cessazione dell'epidemia di peste che affliggeva la città.
Il primitivo impianto romanico (a tre navate, con due portali maggiori e due minori e la cupola ottagonale) venne nei secoli rimaneggiato al punto che è molto difficoltoso, attualmente, rintracciarlo. Il cambiamento piu' radicale si ebbe con la costruzione della Cappella Colleoni al posto della sagrestia vecchia, contemporanea all'aggiunta, sul lato nord, della sagrestia nuova. La guglia gotica che domina il portale è, a sua volta, una aggiunta del sec. XV. Sono dovuti a Giovanni da Campione tutti i portali, tra i quali particolare attenzione merita quello adiacente la Cappella Colleoni (1353), che mescola elementi romanici (il tipo di arco "a tutto sesto", la decorazione del portale raffigurante animali e guerrieri medioevali), ad un gusto piu' squisitamente gotico. Giovanni da Campione, infatti, è uno degli ultimi della schiera dei cosiddetti "maestri campionesi", i quali vivono ed operano nel periodo di transizione dallo stile romanico allo stile gotico. La Statua equestre di Sant'Alessandro, opera del medesimo artista che domina il portale si può già inserire a pieno titolo nel gotico.
Anche l'interno è stato completamente snaturato, rispetto all'impianto romanico originario, da decorazioni in stucco e marmo del XVII sec. Coro ligneo di Andrea Previtali (1470-1528) e Bernardino Zenale (1450-1526, uno degli architetti che contribuirono alla realizzazione del Duomo di Milano), realizzato su disegni di Lorenzo Lotto; confessionale ligneo di Andrea Fantoni, interessante esempio di arte barocca; arazzi fiamminghidei sec. XVI e XVII, particolarmente spettacolare quello raffigurante la "Crocefissione"; affreschi del '300, di scuola lombarda, rappresentanti le Storie della Vita di Sant'Egidio e una "Ultima Cena".

Informazioni

Comune: Bergamo

Nei dintorni (in linea d'aria)