ENGLISH VERSIONVAI ALLA MAPPAGUIDAPUNTI DI INTERESSE

Como, Villa Olmo

MappaComo, Villa Olmo

Questa splendida dimora comasca fu costruita sul luogo dove, fin dai primi decenni del secolo XII , sorgeva un convento, con annessa la chiesa di Santa Maria in Vico, appartenente agli Umiliati. Nel 1664, Marco Plinio Odescalchi, acquistò la proprietà per costruirvi un "soggiorno suburbano" affidando il progetto al celebre architetto Simone Cantoni. La superba dimora ebbe spesso ospiti illustri. Nel 1825 fu onorata perfino dall'imperatore d'Austria Ferdinando I con la regale consorte, accolti da Metternich e da Radetzky. Nel 1882, la villa fu acquistata dai Visconti di Modrone che inaugurarono l'ultimo periodo "padronale" del monumento. Le ali che soffocavano la bella facciata neoclassica furono abbattute, venne sistemato l'accesso a lago e si modificò radicalmente l'atrio d'ingresso mediante lo sfondamento del soffitto originario creando un effetto di grandiosa scenografia. La villa fu arricchita da un piccolo teatrino e sul frontone fu issato lo stemma dei Visconti. Nel parco retrostante, sistemato all'inglese, fu costruito il "tempietto neoclassico". Nel 1927 con la grande Esposizione Voltiana, fu inaugurata la proprietà comunale e da allora la villa è diventata il naturale centro delle attività culturali comasche: concerti, spettacoli teatrali, congressi e grandi mostre d’arte.

Informazioni

Comune: Como

Nei dintorni (in linea d'aria)