ENGLISH VERSIONVAI ALLA MAPPAGUIDAPUNTI DI INTERESSE

Cremona, Museo Civico Ala Ponzone – Pinacoteca e Sezione Archeologica, Museo Stradivariano

Visita virtualeVisita virtuale
MappaCremona, Museo Civico Ala Ponzone – Pinacoteca e Sezione Archeologica, Museo Stradivariano

Istituito nel 1887, il museo ha sede dal 1928 a Palazzo Affaitati (sec. XVI), esemplare architettura cremonese del Cinquecento. Il primo nucleo della raccolta risale al testamento del marchese Sigismondo Ala Ponzone (1842), che donò la propria collezione privata (dipinti, archeologia, numismatica, ornitologia). Qui è attualmente allestita la Pinacoteca, il cui primo nucleo si costituì grazie alla donazione del marchese Giuseppe Sigismondo Ala Ponzone nel 1842 e si arricchì con le opere provenienti da alcune chiese cremonesi soppresse e successivi lasciti. Raccoglie opere prevalentemente cremonesi dal XV al XX secolo, ma anche di illustri pittori quali il Caravaggio e l’Arcimboldi. Tra le opere della Pinacoteca spiccano la "Madonna in trono e i Santi Tommaso e Giorgio" di Benedetto Bembo, l'"Incoronazione della Vergine" di Bonifacio Bembo e le opere dei cremonesi Boccaccio e Camillo Boccaccino. Di rilievo anche i lavori di Luigi Miradori, detto il Genovesino (1600/10-1654/57) e dei fratelli Campi. Sono altresì esposte collezioni archeologiche, numismatiche, ceramiche orientali, smalti e avori, preziosi corali miniati appartenenti al Tesoro del Duomo. Sono riservati appositi spazi per i maggiori eventi culturali della città.
Il Museo Stradivariano nasce, quale sezione specialistica e autonoma, in tempi relativamente recenti e cioè nel 1979, anno in cui occupò l'attuale sede. Precedentemente era collocato in sale apposite all' interno del Museo Civico Ala Ponzone a Palazzo Affaitati e, per qualche tempo, presso la Scuola Internazionale di Liuteria nella sede di Palazzo dell'Arte (1956-1973).
Il museo espone 700 tra cimeli e reperti che provengono dalla bottega del maestro e che sono stati donati alla città di Cremona dal liutaio Giuseppe Fiorini. Attrezzi di lavoro, disegni e modelli per la costruzione degli strumenti illustrano uno spaccato dell'attività del famoso liutaio. Accanto al nucleo fondamentale della donazione Fiorini e degli oggetti e reperti provenienti da altre donazioni, la collezione di oltre 60 strumenti ad arco costruiti da liutai italiani dalla seconda metà dell'Ottocento alla prima metà del Novecento e un’interessante sezione didattica sulle varie fasi di costruzione di una viola contralto secondo la tradizione della scuola classica cremonese. Appartengono al Sistema Museale il Museo della Civiltà Contadina “Il Cambonino Vecchio” e il Museo di Storia Naturale.

Informazioni

Indirizzo: Via Ugolani Dati, 4
Comune: Cremona
CAP: 26100
Telefono: +39 0372 31222

Nei dintorni (in linea d'aria)