ENGLISH VERSIONVAI ALLA MAPPAGUIDAPUNTI DI INTERESSE

Robecco sul Naviglio, Villa Gandini

Visita virtualeVisita virtuale
MappaRobecco sul Naviglio, Villa Gandini

A 5 chilometri da Abbiategrasso, a 3 da Magenta e a una distanza ancora minore – una passeggiata – da Cassinetta di Lugagnano, il graziosissimo borgo di Robecco è di quest’ultima quasi un fratellino maggiore. Stesso tono sommesso ma con una sua raffinatezza, stesso stile di ville nobiliari, stesso Naviglio Grande a mantenere una comunicazione d’acque e di atmosfere.
In riva destra del canale si trova quella che è forse la costruzione più nota del paese, la Villa Gandini o “Villa Gaia”, cosiddetta perché già alla fine del ’400 vi si divertiva il duca della Milano sforzesca Ludovico il Moro. È insomma la residenza più antica di Robecco, fra le prime sul Naviglio Grande, e riprende, lungo una serie di tre corti, la disposizione dei castelli e dei palazzi cittadini d’età rinascimentale. Sul canale la villa, che era appartenuta ai Borromeo, ai Biglia, ai Confalonieri, apre una balaustra settecentesca e mostra cornici a trompe-l’oeil. Nel cortile principale, porticato su tre lati, i restauri hanno riportato in luce affreschi cinquecenteschi. All’interno, arredato con mobili d’epoca, sono notevoli i soffitti lignei nelle stanze verso il canale, lo scalone del 1760 (qui, in origine, c’era una rampa per cavalli), i decori monocromi forse opera neoclassica di Andrea Appiani, uno studio in stile barocchetto.

Informazioni

Comune: Robecco sul Naviglio

Nei dintorni (in linea d'aria)