ENGLISH VERSIONVAI ALLA MAPPAGUIDAPUNTI DI INTERESSE

Pavia, San Michele

Visita virtualeVisita virtuale
MappaPavia, San Michele

Fondata nel secolo XII, è uno dei più significativi esempi di architettura romanica, edificata quando Pavia divenne capitale del Regno. Era infatti Cappella Palatina, dove venivano incoronati i re longobardi
Il culto di San Michele era molto diffuso tra i Longobardi.
Vi furono incoronati re ed imperatori, fra cui Federico Barbarossa.
La sua caratteristica facciata a capanna si caratterizza per la presenza di loggette cieche in alto, croce aperta, bifore strombate e portali a profonda strombatura che recano, nelle rispettive lunette, un angelo alato.
Diversamente dalle altre chiese pavesi, ove prevale l’uso della terracotta, San Michele è quasi interamente ricoperta di pietra arenaria, che ha il pregio di assorbire la luce e dare riflessi sempre diversi, anche se a causa della sua malleabilità, è facilmente aggredibile dagli agenti atmosferici che continuano a creare problemi alle decorazioni, ormai in gran parte illeggibili.
Sopra il portale mediano è raffigurato l’Arcangelo S. Michele, con il globo, i fiori di loto e il drago dell’apocalisse; sopra il portale di sinistra troviamo S. Ennonio vescovo di Pavia e sopra quello di destra, S. Eleucadio, vescovo di Ravenna.

Informazioni

Indirizzo: Piazza San Michele
Comune: Pavia

Nei dintorni (in linea d'aria)

Galleria