ENGLISH VERSIONVAI ALLA MAPPAGUIDAPUNTI DI INTERESSE

Reggio Calabria

Visita virtualeVisita virtuale
MappaReggio Calabria

Reggio Calabria, la più grande città della Calabria di cui è anche il maggiore centro commerciale, sorge in splendida posizione sulla costa orientale dello Stretto di Messina, nel punto in cui lo stretto si apre nel mare Ionio, e gode di un clima eccezionalmente mite durante tutto l'anno tanto da essere una frequentata stazione climatica e balneare. Molto antiche sono le sue origini che risalgono alla seconda metà del VII secolo a.C. e sono collegate alla fondazione di altre città calcidesi fra cui Zancle, cioè Messina. Città aristocratica e prospera, Reggio conobbe tuttavia guerre e distruzioni durante l'espansione dei Greci in Italia, finché, temendo Pirro e i Cartaginesi, si alleò con i Romani che la sottomisero. Essa mantenne però la lingua greca e non decadde come le altre città del Mezzogiorno. Devastata da Alarico, conobbe la dominazione di Bizantini, Turchi, Normanni, Aragonesi, finché cadde sotto i Borboni contro i quali insorse nel 1847.
Si consiglia di vedere il tratto di mura Greche nei pressi del lungomare, il castello Aragonese che risale al XV secolo; lo stupendo lungomare Matteotti con vista panoramica sullo Stretto di Messina e sull'Etna; il Duomo, distrutto dal terremoto del 1908, e in seguito ricostruito.

Di fondamentale importanza rimane per il turista la visita al Museo Nazionale, uno dei più interessanti dell'Italia meridionale e il più ricco di reperti sulla Magna Grecia.
È diviso in diverse sezioni: la sezione Preistorica con reperti che vanno dal Paleolitico all'Età del Ferro; la sezione archeologica, fornitissima di ritrovamenti provenienti da siti archeologici di tutta la regione e la sezione dedicata all'archeologia subacquea in cui sono da ammirare in particolare il cosiddetto Ritratto del Filosofo, stupenda testa in bronzo raffigurante un vecchio dalla lunga barba, e i famosi Bronzi di Riace, statue greche raffiguranti due guerrieri dal corpo perfetto risalenti alla metà del V secolo, ritrovate nel mare di Riace nel 1972.

Nei dintorni (in linea d'aria)